AttualitàSportUmbria

Juventus, fioccano le disdette alle pay tv per protesta contro la penalizzazione: tifosi furiosi anche in Umbria

Il comunicato ufficiale di Juventus Official Fan Club dell’Umbria: “Finanziaremo solo ciò che è proprio della società”

È record di disdette di abbonamenti alle pay tv Dazn e Sky da parte di Tifosi juventini inferociti dopo la penalizzazione di 15 punti da parte della giustizia sportiva. Non si sono fatte attendere, ovviamente, le reazioni da parte dei tifosi, non solo della Juventus, ma di tutti le squadre italiane, anche sui social.

In seguito al comunicato della penalizzazione in classifica, infatti, è schizzato immediatamente nelle tendenze l’hashtag #Juventus, con numerosi utenti che hanno chiesto agli altri supporters bianconeri di disdire immediatamente l’abbonamento a DAZN in segno di protesta in seguito alla decisione, ritenuta eccessiva, da parte della Corte d’Appello Federale. E le disdette sono arrivate a valanga tanto da poter mettere in crisi l’intero sistema calcio italiano.

E sul tema, si mobilitano anche i tifosi bianconeri dell’Umbria. Ecco il comunicato ufficiale dello Juventus Official Fan Club dell’Umbria: “Gentili Soci e Tifosi bianconeri, dopo un lungo e razionale confronto tra i Club Ufficiali della regione Umbria, siamo arrivati alla conclusione di non poter più accettare con fare silenzioso e dimesso il perpetuarsi di azioni dirette esclusivamente a ledere la Società Juventus e tutti coloro che tengono questi colori nel cuore. Non possiamo più tacere – si legge – di fronte a decisioni che sembrano avere come unico scopo quello di depotenziare la Juventus e renderla, per l’ennesima volta, un capro espiatorio di un sistema che vede il coinvolgimento di altre parti. Siamo stanchi di vedere disparità di trattamento, ingiustizie, campionati dai risultati stravolti a tavolino: da tifosi di calcio e amanti dello sport, pretendiamo che sia il campo a parlare. La nostra Squadra ha ampiamente dimostrato sul Campo il Suo Valore e nessuna decisione presa in altre sedi, potrà mai cancellare la Storia scritta. Vogliamo invitarvi a ponderare la situazione e a reagire, in modo civile ma fermo, a ciò che reputiamo oramai essere un’ingiustizia che si svolge con consuetudine verso i nostri colori. Per le ragioni sopra elencate, invitiamo tutti i tifosi a Sostenere esclusivamente la JUVENTUS F.C. che è parte lesa, a partecipare attivamente ad iniziative ufficiali, ritornare a “vivere” la nostra casa: l’Allianz Stadium, finanziando tutto ciò che è esclusivamente ufficiale e proprio della Società. Sproniamo, dunque, i nostri affiliati e ogni tifoso juventino, a non rimpinguare le tasche di terze parti che mirano a indebolire e sbeffeggiare Juventus, mancando di rispetto anche a noi, come tifosi e come clienti. Il nostro vuole essere un gesto di protesta e sostegno – continua la nota – verso la squadra che tifiamo e amiamo e intendiamo mantenere tale direzione fino a quando la Giustizia Sportiva non utilizzerà lo stesso metro di giudizio per tutte le parti coinvolte, senza sottostare ad un sistema clientelare quanto modo esacerbante. Uniti sotto gli Stessi Colori, quelli di un grande Amore”.

Dopo la pesante penalizzazione la Vecchia Signora, è scivolata al dodicesimo posto, al pari di Empoli e Bologna, rendendo molto complicata la corsa ad un posto per l’Europa, distante al momento ben 12 punti. Ma a pagarne il prezzo potrebbe essere l’intera galassia calcistica italiana. Se la Juventus, inoltre, dovesse decidere di ricorrere al TAR il Campionato di Serie A rischia la sospensione con indubbio danno economico per le società di A e di valore del risultato finale. La Juventus potrebbe inoltre ricorrere alla Corte di Giustizia europea.


© Riproduzione riservata

Articoli Correlati

Back to top button
error: Attenzione: Contenuto protetto

Adblock Detected

UmbriaSocial vive anche grazie ad annunci e sponsor, per favore, disabilita il tuo AdBlock per continuare