CronacaPerugiaZone

Uomo in stato di ebbrezza insulta i dipendenti di un supermercato e danneggia un’autovettura

È quanto accaduto a Perugia, in Via Settevalli, dove il sessantatreenne si è recato nel punto vendita e ha chiesto al personale di poter acquistare alcune bottiglie di alcolici

Un uomo in stato di ebbrezza è stato denunciato dalla Polizia di Stato dopo aver insultato i dipendenti di un supermercato e danneggiato un veicolo. È quanto accaduto a Perugia, in Via Settevalli, dove il sessantatreenne si è recato nel punto vendita e ha chiesto al personale di poter acquistare alcune bottiglie di alcolici.

I commessi hanno subito riconosciuto l’uomo, un cittadino straniero classe 1959 che già in passato aveva asportato delle bottiglie dagli scaffali del negozio per poi allontanarsi senza pagare, invitandolo a uscire dall’attività commerciale.

È stato a quel punto che il sessantatreenne ha iniziato a insultare i dipendenti che si sono visti costretti a chiedere aiuto alla Polizia di Stato.
Gli agenti, giunti sul posto, hanno appreso che l’uomo si era già allontanato prima del loro arrivo, colpendo e danneggiando nel frattempo l’autovettura di una dipendente del negozio

Dopo alcune ricerche nella zona, gli operatori lo hanno rintracciato e identificato, constatando che lo stesso si trovava in palese stato di alterazione dovuto all’abuso di sostanze alcoliche. Dagli accertamenti è emerso che il 63enne, nel corso dei vari controlli delle Forze dell’Ordine, si era presentato utilizzando diverse identità, una delle quali risultava titolare di un permesso di soggiorno scaduto nell’ottobre del 2021.

Al termine degli accertamenti, l’uomo è stato sanzionato per ubriachezza molesta in luogo pubblico, deferito all’Autorità Giudiziaria per danneggiamento e messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per le valutazioni relative alla legittimità della sua posizione sul territorio nazionale.


© Riproduzione riservata

Articoli Correlati

Back to top button
error: Attenzione: Contenuto protetto

Adblock Detected

UmbriaSocial vive anche grazie ad annunci e sponsor, per favore, disabilita il tuo AdBlock per continuare