CronacaPerugiaZone

Tentano di sfuggire a un controllo della polizia, arrestati in due

Succede a Perugia, le accuse sono di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

Mentre erano impegnati negli ordinari servizi di controllo del territorio, gli agenti della Polizia di Stato di Perugia hanno fermato un veicolo sospetto con due persone a bordo – una donna, classe 1997 e un uomo, classe 1994, entrambi di origine albanese e con precedenti di polizia – che sono stati sottoposti a controllo.

Dalle verifiche, è emerso che a carico della donna vi era una segnalazione Schengen. Al fine di verificare la sua posizione sul territorio nazionale, gli agenti hanno deciso di scortare la coppia in Questura per approfondimenti. Durante il tragitto, al fine di eludere il controllo, il conducente ha improvvisamente accelerato dandosi alla fuga in controsenso verso viale Giuseppe Meazza. Gli operatori si sono quindi messi all’inseguimento dell’automobile che, grazie anche al supporto di un altro equipaggio, è stata fermata poco dopo.

Il conducente, però, ha abbandonato prontamente il veicolo dandosi nuovamente alla fuga. Inseguito dall’operatore, è stato poi raggiunto e dopo aver colpito con alcuni calci l’agente nel tentativo di divincolarsi, è stato contenuto in sicurezza con gli strumenti in dotazione. Nel frattempo, anche la donna aveva tentato di allontanarsi velocemente dal veicolo, provocando delle lesioni al poliziotto che aveva tentato di ostacolarne la fuga. Sottoposti a perquisizione unitamente al veicolo, la 25enne è stata trovata in possesso di alcuni monili d’oro e di una boccetta contenente della sostanza utilizzata per il riconoscimento dell’oro dei quali non è stata in grado di motivare il possesso. All’interno dell’auto, invece, è stato rinvenuto un arnese atto allo scasso.

Accompagnati presso gli uffici della Questura, la donna è risultata destinataria di un provvedimento di espulsione, con relativo accompagnamento alla frontiera, emesso lo scorso 31 gennaio dal Prefetto di Perugia. Per questi motivi, al termine delle attività di rito, entrambi sono stati arrestati per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale; la 25enne anche per il reato previsto dall’art. 13 comma 13 del Testo Unico dell’Immigrazione. Su disposizione del Pubblico Ministero, sono stati trattenuti nelle celle di sicurezza in attesa del rito per direttissima. Il 27enne, inoltre, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di possesso di arnesi atti allo scasso.


© Riproduzione riservata

Articoli Correlati

BNCom
Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

UmbriaSocial vive anche grazie ad annunci e sponsor, per favore, disabilita il tuo AdBlock per continuare