EventiPerugiaZone

L’Umbria che Spacca 2023, al via dal 29 giugno la decima edizione del festival

Oltre 20 appuntamenti, 150 artisti e 5 palchi nel centro storico di Perugia

Inizia domani, giovedì 29 giugno, la decima edizione de “L’Umbria che Spacca” che registra già i primi sold out: per la serata del venerdì con Fabri Fibra nel Main Stage dei giardini del Frontone e anche per tutti i concerti alla “Galleria che spacca” e al “Garden Stage”. Con oltre 20 appuntamenti, 150 artisti, 5 palchi e musica dall’alba fino a tarda notte, dal 29 giugno a domenica 2 luglio il festival animerà il centro storico di Perugia, scenario ideale per un festival musicale, con il meglio delle proposte della scena contemporanea. Grande spazio ancora alla musica di qualità e di richiamo per i più giovani, ma non solo.

Gli artisti principali si esibiranno sul Main Stage situato ai Giardini del Frontone. Giovedì 29 giugno si inizia con l’accoppiata Lo Stato Sociale e Nobraino, con l’aggiunta in apertura di Giulia Penna, la giovane cantante e creator sul web romana (ancora disponibili gli ultimi biglietti). Sempre giovedì sarà presente nell’area Main Stage anche la giovane artista Momusso, che farà una seduta di disegno sentimentale con gli specchi.

Venerdì 30 giugno toccherà a Fabri Fibra, che per la prima volta si esibirà in un festival umbro con uno show che ha già registrato il SOLD OUT. L’opening act del concerto dell’icona del rap italiano sarà affidato al flow e all’energia di BigMama. La serata, quella del venerdì, è powered by Mastri Birrai Umbri. Anche per questa edizione Mastri Birrai Umbri, con la linea Monkey, accompagnerà “L’Umbria che Spacca” nel suo viaggio musicale. E non è tutto: una selezione delle loro migliori Birre Agricole Artigianali sarà disponibile presso le aree del festival.

La serata di sabato 1 luglio sarà tutta per i Verdena, uno dei più importanti gruppi della scena musicale italiana (ancora disponibili gli ultimi biglietti). L’opening act sarà con gli umbri Elephant Brain e i fiorentini Manitoba. Gran finale al Main Stage domenica 2 luglio con “Rebel Sunday – Pop punk is not dead” (ingresso gratuito). Una serata per rivivere la storia del pop-punk italiano, con chi ne ha contrassegnato l’epoca d’oro e chi oggi ha riportato sulla cresta dell’onda quelle sonorità: sul palco saliranno Finley, Naska, dARI e Lost.

A salire sul Main Stage del festival durante le prime tre giornate (giovedì, venerdì e sabato) ci saranno anche le band vincitrici della sesta edizione del “COOP Music Contest”, competizione dedicata alle band emergenti umbre, realizzata in collaborazione con Coop Centro Italia: Lei, Damix (29 giugno), Monzo Noise, Fuckpietro & Shark34, Fabyo Pezzi (30 giugno), Santa, Nur (1 luglio).

Anche quest’anno la musica risuonerà dalle prime ore della giornata grazie al Garden Stage allestito nell’Orto Medievale dell’Università degli Studi di Perugia, all’interno del Complesso monumentale di San Pietro. A due passi dal palco dei Giardini del Frontone ad esibirsi saranno Generic Animal (30 giugno), pseudonimo e progetto solista di Luca Galizia, il cantautore napoletano Giovanni Truppi (1 luglio) e il trio umbro Melancholia (2 luglio). Il successo del Garden Stage è confermato anche in questa edizione dove i tre appuntamenti hanno già registrato il tutto esaurito. Ci si potrà quindi immergere in una magica oasi verde dove ammirare l’alba, fare yoga e meditazione insieme a Luna Di Lisio, gustare un’ottima colazione con prodotti equosolidali in collaborazione con CAMS – Centro di Ateneo per i Musei Scientifici e Ponte Solidale, lasciarsi accarezzare dalle note di artisti incredibili e scoprire i segreti dell’Orto Medievale insieme al FAI Giovani – sezione di Perugia.

Sold out anche i quattro appuntamenti in programma con la consueta suggestiva e originale esperienza de “La Galleria che Spacca” in collaborazione con la Galleria Nazionale dell’Umbria, dove si potrà assistere a performance memorabili e ammirare il patrimonio artistico della Galleria sotto un nuovo punto di vista, quello degli artisti ospiti. Si inizia giovedì 29 giugno con i due celebri stand up comedian Daniele Tinti e Stefano Rapone; si prosegue con il rocker toscano Piero Pelù (30 giugno), con la cantante Ditonellapiaga (1 luglio) e infine con il cantautore Tricarico (2 luglio).

Presente anche quest’anno l’Unipg Stage (ingresso gratuito) presso il parcheggio della Facoltà di Agraria, dove si esibiranno i migliori collettivi umbri e la finale di “Unimusic 2023”, il contest dedicato alle band universitarie indetto da Adisu – Agenzia per il diritto allo studio universitario dell’Umbria.

Il 29 giugno si parte con il format “Con un deca”, che porterà sull’Unipg Stage il meglio della musica italiana; a seguire il 30 giugno uno dei party più famosi dell’Umbria, 80’s VS 90’s, a cura di Friday I’m in Rock; il 1 luglio una delle feste più conosciute in tutta Italia, con tour da centinaia di date in giro per la penisola, 1 Hour – ogni ora una festa diversa; per l’ultima serata del 2 Luglio arrivano i ragazzi del collettivo Bounce con la versione XL del loro party, pronti a portare il meglio del panorama Hip Hop, Trap, R’n’B, Dancehall e Afrobeats.

Tra le novità de “L’Umbria che Spacca” edizione 2023 anche la collaborazione Surfweek. Surfweek è la community di surfisti più seguita in Italia che organizza viaggi ed esperienze in Italia e all’estero a base di surf e sport. Saranno presenti all’interno del festival con le loro vibes e con un’inedita area skate. Altra novità è la presenza della Chill Area, area esterna ai Giardini del Frontone con un palco dove si esibiranno i “The Looping Project”, con jam session acustica ed elettronica e che comprenderà l’area food and beverage a cura di Testone e Mastri Birrai Umbri.


© Riproduzione riservata

Articoli Correlati

BNCom
Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

UmbriaSocial vive anche grazie ad annunci e sponsor, per favore, disabilita il tuo AdBlock per continuare