CronacaSportUmbria

Daspo dopo Trestina-Arezzo che costa cara a sei tifosi aretini

Si erano resi protagonisti di un’animata contestazione ai danni della squadra ospite

La Polizia di Stato di Perugia ha emesso sei provvedimenti di DASPO nei confronti di altrettanti tifosi aretini – rispettivamente classe 1996, 1988, 1986, 1997, 1982, 1971 – che il 29 gennaio dello scorso anno, al termine della partita di calcio tra Sporting Club Trestina e S.S. Arezzo 1923, valevole per il campionato di Serie D, si erano resi protagonisti di un’animata contestazione ai danni della squadra ospite.

Il dissenso, iniziato nei pressi dell’area di accesso agli spogliatoi, era poi proseguito lungo il percorso stradale di uscita dalla città, ostacolando l’autobus a bordo del quale viaggiavano i calciatori.

Grazie al lavoro congiunto degli agenti della Polizia Scientifica, della Digos e della Divisione Anticrimine della Questura di Perugia, è stato possibile identificare i protagonisti della vicenda.

Al termine delle attività di rito, la gravità della condotta tenuta e il pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica hanno indotto il Questore di Perugia a emettere sei provvedimenti di DASPO nei confronti degli autori della contestazione.

Il provvedimento vieterà a cinque dei tifosi coinvolti l’accesso – su tutto il territorio nazionale – ai luoghi in cui si svolgono le manifestazioni sportive di calcio, di Coppa Italia, di coppe internazionali, di campionato e le amichevoli delle squadre di calcio militanti in campionati nazionali professionistici e dilettantistici iscritte alla F.I.G.C. per la durata di 1 anno.

Ai destinatari sarà, altresì, interdetto – a partire da due ore prima e sino a due ore dopo la conclusione della manifestazione sportiva – l’accesso e lo stazionamento in un’area ricompresa in 400 metri di distanza dai luoghi antistanti lo stadio, le stazioni ferroviarie interessate dall’arrivo o dalla partenza dei tifosi, i parcheggi pubblici serventi gli impianti sportivi, i luoghi di allenamento e i ritiri delle squadre di calcio.

L’eventuale violazione del divieto potrà essere punita con la pena di reclusione da uno a tre anni e con la multa da 10mila a 40mila euro.

Ad una delle sei persone, già destinataria di DASPO, l’accesso sarà interdetto per la durata di 5 anni, con l’ulteriore prescrizione di presentarsi presso gli uffici di Polizia in occasione di tutti gli incontri ufficiali della squadra della S.S. Arezzo 1923, nell’arco dei 20/30 minuti dopo l’inizio del primo tempo della partita, per tutta la durata del provvedimento.


© Riproduzione riservata

Articoli Correlati

BNCom
Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

UmbriaSocial vive anche grazie ad annunci e sponsor, per favore, disabilita il tuo AdBlock per continuare