CronacaGubbio / GualdoZone

Gualdo Tadino, distrae anziano e gli ruba il portafoglio: denunciata 30enne

La donna è stata identificata dopo vari accertamenti su reati compiuti con lo stesso modus operandi

I Carabinieri della Stazione di Gualdo Tadino, al termine di attività di indagine, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Perugia una 30enne perugina, ritenuta presunta responsabile del reato di furto aggravato ai danni di una persona anziana di Gualdo Tadino.

E’ la mattina del 29 dicembre scorso, giorno di mercato settimanale nella città di Gualdo Tadino. Un anziano del posto come tutte le settimane si reca al mercato per accompagnare la moglie. Mentre sta parcheggiando l’autovettura viene avvicinato da una giovane ragazza ben vestita e dai modi gentili. La ragazza dopo alcuni convenevoli gli chiede un’elemosina. L’uomo immediatamente capisce che la donna ha altri scopi e subito tenta di allontanarla. Ci riesce ma la stessa prima di scappare via gli sottrae dal sedile dell’autovettura il portafoglio contenente documenti personali.

Raccolta la denuncia, i militari della Stazione di Gualdo hanno immediatamente indirizzato gli accertamenti su un gruppo di donne che, in particolare nei giorni di mercato, frequentano la zona dell’eugubino – gualdese ed erano già state identificate per aver commesso reati con lo stesso modus operandi. In particolare veniva mostrato alla vittima un fascicolo fotografico contenente le effigi di alcune ragazze corrispondenti alla precisa descrizione fornita dall’anziano. Immediatamente questo riconosceva senza alcun dubbio una di queste.

Inoltre, dai successivi accertamenti si apprendeva che la stessa era già stata oggetto dell’avviso orale del Questore di Perugia e del divieto di ritorno nel Comune di Gualdo Tadino, violazione per la quale è stata segnalata all’Autorità Giudiziaria.


© Riproduzione riservata

Articoli Correlati

Back to top button
error: Attenzione: Contenuto protetto

Adblock Detected

UmbriaSocial vive anche grazie ad annunci e sponsor, per favore, disabilita il tuo AdBlock per continuare